seguici su facebook   english version   Comune di Montebelluna

CALENDARIO EVENTI

HOME
SETTEMBRE 2016
L M M G V S D
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
OTTOBRE 2016
L M M G V S D
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
NOVEMBRE 2016
L M M G V S D
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
DICEMBRE 2016
L M M G V S D
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
proiezioni > I DOCUMENTARI DI INTERNAZIONALE
il lunedì dal 7/11 al 12/12
Cinema Italia Eden di Montebelluna
ore 20.30
©Mondovisioni
Segnaliamo la 3^ edizione di Mondovisioni, a Montebelluna. Sei docufilm su informazione, attualità internazionale e diritti umani. Al cinema Italia Eden
I sei docufilm, scelti per la loro qualità oltre che dal Festival di Internazionale a Ferrara anche da quelli più prestigiosi a livello mondiale (Tribeca, Sundance, Torinto etc.), trattano argomenti vari, dal problema del libero possesso delle armi negli Stati Uniti d'America ai destini opposti di due adolescenti che frequentano le scuole coraniche del leader religioso Abdul Aziz Ghazi, sostenitore dell'ISIS e dei talebani; da come viene affrontato l'esame che conclude il percorso scolastico superiore in Corea del Sud e che determina ogni anno il destino sociale di milioni di studenti a Suad, la ragazzina irachena in fuga dall'ISIS.

I film sono in lingua originale con i sottotitoli in italiano.

Biglietti
Intero €5,00
Ridotto €4,00 (studenti e soci COOP)
Abbonamento Intero 6 spettacoli: €25,00
Abbonamento Ridotto 6 spettacoli: €20,00

lunedì 7 novembre ore 20.30
Under the Gun (Sotto Tiro)
di Stephanie Soechtig
USA, 2016, 106 minuti
Anteprima italiana
Nella sera precedente le elezioni americane, un documentario che è un amaro riepilogo degli eventi e delle opinioni che hanno segnato l'infinito dibattito sul possesso di armi negli Stati Uniti, e insieme la denuncia del cinico immobilismo della politica, anche di fronte al continuo aumento di morti per colpi d'arma da fuoco (32.000 all'anno) e sparatorie di massa. Attraverso da una parte l'esperienza delle famiglie colpite dalle stragi, o dalla violenza quotidiana, e dall'altra gli interessi della potente lobby della National Rifle Association e le ossessioni dei suoi membri, il quadro impressionante di un tema che resta determinante nella campagna presidenziale e nell'attualità americana.

 


lunedì 14 novembre ore 20.30

Reach for the Sky (Punta in alto)
di Steven Dhoedt e Choi Wooyoung
Belgio/Corea del Sud, 2015, 90 minuti
Ogni 2 novembre in Corea del Sud mezzo milione di ragazzi delle scuole superiori affrontano un esame scolastico fondamentale e molto difficile. Le aziende aprono un'ora più tardi per ridurre i rischi di traffico, e i voli vengono sospesi perché gli aerei non disturbino la concentrazione. Molti studenti si sottopongono per anni a una rigida preparazione, che li porta a studiare, anche dopo il normale orario scolastico, nelle accademie private che li addestrano intensamente per il grande giorno. Questo esame, infatti, determinerà non solo quale università frequenteranno ma anche il loro status nella società coreana e resterà una delle esperienze più competitive della loro vita.


lunedì 21 novembre ore 20.30

Among the Believers (In mezzo ai credenti)
di Mohammed Ali Naqvi e Hemal Trivedi
USA/Pakistan/India, 2015, 85 minuti
In occasione della Giornata Mondiale dell'Infanzia, un docufilm che racconta i destini opposti di due adolescenti che frequentano le scuole coraniche del leader religioso Abdul Aziz Ghazi, sostenitore dell'ISIS e dei talebani, che incita alla jihad e sogna di imporre in Pakistan una rigida versione della Sharia. Questo documentario, attraverso il personaggio di Aziz Ghazi è rivelatore e allarmante nello svelare le battaglie ideologiche che stanno modellando il Pakistan moderno e l'interno mondo musulmano.


lunedì 28 novembre ore 20.30

Alcaldessa (Sindaca)
di Pau Faus
Spagna, 2016, 86 minuti
Anteprima italiana
L'appassionante percorso di Ada Colau durante un intero anno, dall'inizio della sua candidatura con il movimento "Barcelona in comú" fino alla trionfale elezione a sindaca della capitale catalana. La cronaca privata degli eventi, compreso il video-diario della Colau, e l'accesso privilegiato al cuore della inedita coalizione, ci mostrano riflesse in uno straordinario evento politico locale questioni più generali: una storica vittoria elettorale che diventa modello del cambiamento possibile nell'Europa meridionale, e il conflitto interiore di una donna, che si appresta a incarnare quel potere che lei stessa ha sempre messo in discussione.


lunedì 5 dicembre ore 20.30

Future Baby
Austria, 2016, 91 minuti
Anteprima italiana
La riproduzione umana è un argomento molto scottante e di grande attualità. Ecco un viaggio intorno al mondo che le ruota attorno e il futuro della ricerca che la riguarda, tra pazienti e ricercatori, donatori e madri surrogate, cliniche e laboratori. Le speranze dei futuri genitori si confrontano con l'accelerazione degli studi sull'ottimizzazione del genoma: fino a che punto vogliamo spingerci? Le voci di entusiasti e scettici, e della prima generazione di figli concepiti artificialmente, compongono un mosaico dal quale emerge l'ambivalenza di rivoluzionarie procedure le cui conseguenze ci sono ancora ignote, e i cui confini etici e legali sono oggetto di un acceso dibattito. Un'affascinante e inquietante istantanea da un futuro che è già arrivato.


lunedì 12 dicembre ore 20.30

The Girl Who Saved My Life (La bambina che mi ha salvato la vita)
di Hogir Hirori
Svezia, 2016, 79 minuti
Anteprima italiana
Per chiudere la rassegna, abbiamo scelto un docufilm davvero straordinario. Nell'agosto 2014 il regista Hogir Hirori lascia la moglie incinta in Svezia per tornare nella sua terra natale, il Kurdistan iracheno, a documentare il destino di 1 milione e mezzo di profughi in fuga dall'ISIS. Attraverso le persone che incontra Hogir rivive la propria esperienza di rifugiato, e la sua sconvolgente testimonianza è rafforzata dalla profonda identificazione con i protagonisti. In particolare verrà colpito dall'incontro casuale con la piccola Souad: andare alla sua ricerca gli servirà da bussola per orientarsi nel caos della guerra, muovendosi lungo i confini dello Stato Islamico ed entrando per primo nei territori liberati dalle forze curde. Un film che riesce a trovare una lama di luce, una voce di speranza nella desolazione di un paesaggio sconvolto dalla brutalià della guerra.


info SpazioRosaBergamo
www.spaziorosabergamo.it | 333.8075091