seguici su facebook   english version   Comune di Montebelluna

RASSEGNE PERIODICHE

HOME
Banner Mini Sito
Immagine Mini Sito
Montebelluna nel primo Novecento

Dal 14 Aprile al 3 Maggio 2007

MONTEBELLUNA NEL PRIMO NOVECENTO. Gli edifici privati nei disegni iroginali e nelle carte d'archivio.

Mostra storico documentaria.
Dal 14 Aprile al 3 Maggio 2007

 

Sabato 14 Aprile - ore 17.00
Inaugurazione della mostra e presentazione del Quaderno d'Archivio

Interventi di:
Laura Puppato - Sindaco
Lucio De Bortoli - Assessore alla Cultura

 

Dal 14 Aprile al 3 Maggio
La mostra sarà visitabile

negli orari di apertura della Biblioteca
Mattino: dal martedì al sabeto 9.00-12.30
Pomeriggio: dal lunedì al venerdì 15.00-19.30
(Mercoledì orario continuato)

 

La storiografia esiste solo grazie agli archivi. Il termine, nell'immaginario collettivo, non gode purtroppo di grandi simpatie. L'archivio è un luogo polveroso, poco accessibile, pesante, indecifrabile e che presuppone la "lentezza" della ricerca e dello spoglio.
In tempi in cui "lento" è diventato, nella globale stupidità dei media e dei loro corifei, sinonimo di negativo, proporre un Quaderno d'Archivio è un atto titanico e provocatorio al tempo stesso.
E, tuttavia, c'è un punto che supera la sterilità della premessa. Ed è un punto decisivo. Senza archivi non c'è memoria, non c'è storia e non c'è civiltà. Una società convinta che ogni giorno sia un inizio finisce per essere solo un meccanismo. Una società è tale solo se sa pensare a sè stessa. E pensare significa tener conto dell'esistenza del tempo.

Il "Quaderno" della mostra sui segni architettonici ed edilizi del nostro primo Novecento è il primo di una serie che proseguirà in futuro. Si tratta di dar conto, di valorizzare e di divulgare la ricchezza documentaria della nostra civiltà locale. Si tratta di capire che il patrimonio documentario conservato dai nostri padri costituisce lo strumento per capire che cosa siamo e che cosa stiamo facendo. Se di questo si tenesse maggior conto nelle azioni e nelle scelte quotidiane, molti errori non verrebbero commessi, molte opportunità verrebbero colte.
Una mostra e un Quaderno di questo tipo servono quindi anche e soprattutto a questo: diffondere carte altrimenti sepolte, lanciarle finalmente nel presente per rendere migliori le nostre azioni.
Lucio De Bortoli - Assessore alla cultura