seguici su facebook   english version   Comune di Montebelluna

BIBLIOGRAFIE E ALTRI CONSIGLI

HOME
Scopri le bibliografie BAM

13/06/17
BIBLIOGRAFIE 2017
Visualizza in formato PDF

15/09/16
[almanacco] ORIANA FALLACI. SCRITTORE
Visualizza in formato PDF

22/06/16
[filmografie] I COLORI DELL'AMORE
Visualizza in formato PDF

17/06/16
[almanacco] DA QUESTA PARTE DEL MARE
Visualizza in formato PDF

17/06/16
DOSSIER [due] CHI SONO I RIFUGIATI
Visualizza in formato PDF

01/06/16
[filmografie] NATURE (IN-)CONTAMINATE
Visualizza in formato PDF

31/05/16
[almanacco] GOODBYE NORMA JEAN
Visualizza in formato PDF

12/05/16
[almanacco] FREUD A COLAZIONE
Visualizza in formato PDF

23/04/16
[almanacco] PLAYING SHAKESPEARE
Visualizza in formato PDF

22/04/16
[filmografie] DAVID di DONATELLO
Visualizza in formato PDF

24/03/16
[Almanacco] NOVANT'ANNI DI DARIO FO
Visualizza in formato PDF

22/03/16
[filmografie] LA VITA E' COME UNA SCATOLA DI CIOCCOLATINI
Visualizza in formato PDF

01/03/16
DOSSIER [uno] MATERNITA' SURROGATA
Visualizza in formato PDF

17/02/16
[Almanacco] VITTORINI, PAVESE, PIVANO. IL MITO DELL'AMERICA
Visualizza in formato PDF

25/11/15
[almanacco] NESSUNA PIU'
Visualizza in formato PDF

04/11/15
TUTTO PASOLINI
Visualizza in formato PDF

02/07/15
LIBRI E BICI
Visualizza in formato PDF

30/04/15
[Almanacco] L'ETA' FORTE
Visualizza in formato PDF

23/04/15
GIORNATA MONDIALE DEL LIBRO E DEL DIRITTO D'AUTORE
Visualizza in formato PDF

14/02/15
DIRE L'AMORE
Visualizza in formato PDF

10/02/15
[Almanacco] GIORNO DEL RICORDO
Visualizza in formato PDF

22/01/15
[Almanacco] GIORNATA DELLA MEMORIA
Visualizza in formato PDF

24/11/14
[Almanacco] MAI PIU' VIOLENZA SULLE DONNE
Visualizza in formato PDF

08/10/14
[Almanacco] IL GIAPPONE
Visualizza in formato PDF

09/09/14
BCM PER LA LEGALITA'
Visualizza in formato PDF

06/06/14
[almanacco] GREEN
Visualizza in formato PDF

05/05/14
[almanacco] IDEE D'EUROPA
Visualizza in formato PDF

17/03/14
[almanacco] NARRAMI O MUSA
Visualizza in formato PDF

22/01/14
[almanacco] GIORNATA DELLA MEMORIA
Visualizza in formato PDF

03/01/14
[almanacco] GIPI. UNASTORIA
Visualizza in formato PDF

15/11/13
[almanacco] STOP. QUESTO NON E' AMORE
Visualizza in formato PDF

30/10/13
[almanacco] SGUARDI
Visualizza in formato PDF

26/09/13
[almanacco] VAJONT
Visualizza in formato PDF

09/08/13
[almanacco] I HAVE A DREAM
Visualizza in formato PDF

12/07/13
[almanacco] I CLASSICI DEL FUMETTO ITALIANO
Visualizza in formato PDF

08/06/13
[filmografie] LEGGERE IL CINEMA
Visualizza in formato PDF

21/05/13
IL MAGGIO DEI LIBRI
Visualizza in formato PDF

03/05/13
[almanacco] BRICIOLE DI FILOSOFIA
Visualizza in formato PDF

28/03/13
[almanacco] PABLO PICASSO
Visualizza in formato PDF

14/03/13
[filmografie] AMARE LE PAROLE
Visualizza in formato PDF

06/03/13
[almanacco] GABRIELE D'ANNUNZIO
Visualizza in formato PDF

18/02/13
[almanacco] BEPPE FENOGLIO
Visualizza in formato PDF

11/02/13
[almanacco] SYLVIA PLATH
Visualizza in formato PDF

03/01/13
[discografie] I MIGLIORI 100 DISCHI ITALIANI
Visualizza in formato PDF

01/01/13
[almanacco] GIORGIO GABER
Visualizza in formato PDF

16/11/12
[filmografie] FIGURE DI DONNE
Visualizza in formato PDF

18/10/12
SCRITTA E DESCRITTA.
Visualizza in formato PDF

22/08/12
[segnalibro] Si può
Visualizza in formato PDF

07/08/12
ITALY&ITALY
Visualizza in formato PDF

30/07/12
[segnalibro] GIRARE IL MONDO
Visualizza in formato PDF

29/07/12
[filmografie] PREMIATI A VENEZIA
Visualizza in formato PDF

14/07/12
[discografie] GLI ALBUM CHE HANNO FATTO IL ROCK
Visualizza in formato PDF

01/04/12
[filmografie] BIBLIOTECHE E BIBLIOTECARI NEL CINEMA
Visualizza in formato PDF

01/03/12
[filmografie] PREMIATI DA OSCAR!
Visualizza in formato PDF

01/02/12
[filmografie] PREMIATI A BERLINO
Visualizza in formato PDF

27/01/12
[filmografie] IN MEMORIA
Visualizza in formato PDF

15/12/11
STORIE BREVI
Visualizza in formato PDF

24/11/11
IL MALE OSCURO
Visualizza in formato PDF

14/11/11
FACCIA A FACCIA COL PC
Visualizza in formato PDF

01/10/11
[discografie] LA CANZONE D'AUTORE ITALIANA
Visualizza in formato PDF

29/09/11
SFOGLIA IL FILM!
Visualizza in formato PDF

11/09/11
11 SETTEMBRE 2011
Visualizza in formato PDF

09/09/11
[segnalibro] AMICI ANIMALI
Visualizza in formato PDF

01/08/11
LIBRI DA PREMIO 2
Visualizza in formato PDF

01/08/11
[discografie] I NOSTRI GRAMMY AWARDS!
Visualizza in formato PDF

08/07/11
[segnalibro] DIANA WYNNE JONES
Visualizza in formato PDF

01/07/11
[discografie] ARTISTI NEL 'ROCK & ROLL HALL OF FAME
Visualizza in formato PDF

21/06/11
1861-2011. L'ITALIA DEI LIBRI
Visualizza in formato PDF

21/06/11
[segnalibro] STORIE IN RIMA
Visualizza in formato PDF

08/06/11
[segnalibro] MA CHI SONO I MUMIN?
Visualizza in formato PDF

06/06/11
DIPINTI IN UN ROMANZO
Visualizza in formato PDF

09/05/11
GIORNO DELLA MEMORIA
Visualizza in formato PDF

23/04/11
GIORNATA MONDIALE DEL LIBRO
Visualizza in formato PDF

01/04/11
[segnalibro] QUANTE MACCHINE
Visualizza in formato PDF

30/03/11
NOI E IL NOSTRO BAMBINO
Visualizza in formato PDF

21/03/11
L’ENIGMA DELL’ANIMA RUSSA
Visualizza in formato PDF

12/03/11
150 ANNI D'ITALIA UNITA
Visualizza in formato PDF

08/03/11
FRAU SCHUMANN
Visualizza in formato PDF

17/02/11
[segnalibro] MI SCAPPA LA...
Visualizza in formato PDF

03/02/11
LETTURE PER LE CLASSI SECONDE!
Visualizza in formato PDF

01/02/11
[filmografie] SULL'ALTRA SPONDA DELL'ATLANTICO
Visualizza in formato PDF

27/01/11
CAINO E ABELE
Visualizza in formato PDF

12/01/11
[segnalibro] POLO NORD E... POLO SUD
Visualizza in formato PDF

14/12/10
[segnalibro] NEVE A NATALE
Visualizza in formato PDF

11/12/10
[segnalibro] NATALE 2010
Visualizza in formato PDF

16/11/10
[segnalibro] BUONA ALIMENTAZIONE
Visualizza in formato PDF

15/11/10
[segnalibro] OGGI CUCINO IO!
Visualizza in formato PDF

04/11/10
[segnalibro] RACCONTAMI UNA FIABA
Visualizza in formato PDF

01/11/10
[filmografie] HORROR
Visualizza in formato PDF

23/10/10
INDIMENTICABILI ABITANTI
Visualizza in formato PDF

01/10/10
[filmografie] ROAD MOVIES
Visualizza in formato PDF

30/09/10
BIBLIOTECHE NELLA LETTERATURA
Visualizza in formato PDF

16/09/10
[segnalibro] SARA CONSIGLIA
Visualizza in formato PDF

15/09/10
[segnalibro] D'AMORE NON SI MUORE
Visualizza in formato PDF

14/09/10
[segnalibro] VIAGGIO NELLA NOTTE
Visualizza in formato PDF

14/09/10
[segnalibro] ALL YOU NEED IS LOVE!
Visualizza in formato PDF

09/09/10
[segnalibro] EROI + MOSTRI
Visualizza in formato PDF

05/09/10
[segnalibro] CORALE GRECA
Visualizza in formato PDF

03/09/10
[segnalibro] ELEMENTARE, WATSON.
Visualizza in formato PDF

01/09/10
[discografie] I DISCHI "TARGA TENCO"
Visualizza in formato PDF

01/08/10
[discografie] I MIGLIORI DISCHI DELLA STORIA SECONDO ROLLING STONE
Visualizza in formato PDF

20/07/10
[segnalibro] I MIEI LIBRI IN SPAGNOLO
Visualizza in formato PDF

02/07/10
DI GIOCO IN GIOCO. CRESCENDO
Visualizza in formato PDF

01/07/10
[segnalibro] CUORE BATTICUORE
Visualizza in formato PDF

14/06/10
[segnalibro] I MIEI LIBRI IN INGLESE
Visualizza in formato PDF

01/06/10
FIORI, ORTI E GIARDINI
Visualizza in formato PDF

01/06/10
[filmografie] EFFETTI SPECIALI. LE TAPPE
Visualizza in formato PDF

21/05/10
[segnalibro] ARTISTI - CHE VITE
Visualizza in formato PDF

07/05/10
[segnalibro] I SENZA PAROLE
Visualizza in formato PDF

01/05/10
[filmografie] BIOGRAFIE D'ARTISTA
Visualizza in formato PDF

25/04/10
[filmografie] LA RESISTENZA
Visualizza in formato PDF

21/04/10
[segnalibro] STORIE DENTRO UN QUADRO
Visualizza in formato PDF

07/04/10
[segnalibro] COCCOANIMALI
Visualizza in formato PDF

21/03/10
[segnalibro] DISEGNAMO!
Visualizza in formato PDF

08/03/10
[segnalibro] 1, 2, 3 PORCELLINI
Visualizza in formato PDF

01/03/10
[segnalibro] ED ECCO A VOI: GLI ANIMALI..
Visualizza in formato PDF

01/02/10
[segnalibro] RANE ROSPI RANOCCHI GIRINI..
Visualizza in formato PDF

01/02/10
[filmografie] DAL GULP AL CIAK
Visualizza in formato PDF

25/01/10
[segnalibro] STORIE BUFFE... BUFFISSIME
Visualizza in formato PDF

24/01/10
SCRITTO SUI BANCHI
Visualizza in formato PDF

20/01/10
[segnalibro] OGNI GIORNO UNA PAGINA
Visualizza in formato PDF

01/12/09
[filmografie] BABELE GLOBALE
Visualizza in formato PDF

30/11/09
[filmografie] LA MUSICA NEL CINEMA
Visualizza in formato PDF

05/11/09
[segnalibro] NON SOLO CALCIO
Visualizza in formato PDF

02/11/09
[filmografie] ICH BIN EIN BERLINER
Visualizza in formato PDF

29/10/09
[segnalibro] AMO QUEL CANE
Visualizza in formato PDF

11/10/09
[segnalibro] CANI DAVVERO SPECIALI
Visualizza in formato PDF

10/10/09
[segnalibro] LIBRI E LETTURA
Visualizza in formato PDF

03/10/09
[segnalibro] A SCUOLA DI MAGIA
Visualizza in formato PDF

10/09/09
PAROLENOTE
Visualizza in formato PDF

03/06/09
[segnalibro] IN FONDO AL MARE
Visualizza in formato PDF

02/06/09
[segnalibro] MERENDA DI STORIE '09
Visualizza in formato PDF

01/06/09
[segnalibro] CANI E GATTI
Visualizza in formato PDF

29/05/09
[segnalibro] TANTI MILIONI DI ANNI FA...
Visualizza in formato PDF

03/05/09
[segnalibro] USI E COSTUMI DEI DINOSAURI
Visualizza in formato PDF

01/05/09
[segnalibro] ANCHE QUESTA E' MUSICA
Visualizza in formato PDF

01/05/09
[segnalibro] ANCHE QUESTA E' MUSICA (2)
Visualizza in formato PDF

03/04/09
[segnalibro] Un orto un giardino un giardiniere!
Visualizza in formato PDF

02/04/09
[segnalibro] IO E LA MIA MAMMA
Visualizza in formato PDF

01/04/09
E' MATEMATICAMENTE ImPOSSIBILE!
Visualizza in formato PDF

01/04/09
[segnalibro] TANTA VOGLIA DI PRIMAVERA
Visualizza in formato PDF

28/02/09
[segnalibro] SIGNORI DEI MARI
Visualizza in formato PDF

26/02/09
I ROMANZI E LA STORIA
Visualizza in formato PDF

10/01/09
[segnalibro] AAARGH, PER TUTTI I PIRATI!
Visualizza in formato PDF

07/01/09
[segnalibro] LEZIONI DI PRINCIPESSSSOLOGIA
Visualizza in formato PDF

01/12/08
[segnalibro] QUANDO C'E' LA NEVE..
Visualizza in formato PDF

20/10/08
[segnalibro] I'M A HORSE... OF COURSE!
Visualizza in formato PDF

20/10/08
IL MOSAICO LETTERARIO DELL'AMERICA LATINA
Visualizza in formato PDF

10/10/08
90° DELLA FINE DELLA GRANDE GUERRA
Visualizza in formato PDF

01/10/08
[segnalibro] VERSO CAMELOT
Visualizza in formato PDF

22/09/08
DUE RUOTE E UN LIBRO
Visualizza in formato PDF

01/08/08
[segnalibro] LIBRI DI LIBRI
Visualizza in formato PDF

21/07/08
[segnalibro] PECHINO 2008. OLIMPIADI DI PACE
Visualizza in formato PDF

03/07/08
[segnalibro] TERRA! TERRA!
Visualizza in formato PDF

02/07/08
[segnalibro] PERLE E PERLINE
Visualizza in formato PDF

01/07/08
[segnalibro] DA GRANDE FARO' IL CALCIATORE
Visualizza in formato PDF

15/06/08
[segnalibro] QUANTI COLORI!
Visualizza in formato PDF

04/06/08
PICCOLA GUIDA AL PAESE CHE NON C'E'
Visualizza in formato PDF

01/05/08
[segnalibro] MI LEGGI UNA STORIA
Visualizza in formato PDF

02/04/08
[segnalibro] UN ANNO COL FANTASMA
Visualizza in formato PDF

01/04/08
[segnalibro] MUSICI, GIOCOLIERI E SALTIMBANCHI
Visualizza in formato PDF

01/04/08
[segnalibro] AL LUPO AL LUPO!
Visualizza in formato PDF

21/03/08
POESIE SULLA POESIA
Visualizza in formato PDF

01/03/08
[segnalibro] TANTI AUGURI PER TE
Visualizza in formato PDF

01/02/08
PROFUMO DI NEVE
Visualizza in formato PDF

10/01/08
[segnalibro] FACCIO SPORT
Visualizza in formato PDF

25/12/07
[segnalibro] GIOCA, RIMA, FILASTROCCA
Visualizza in formato PDF

20/12/07
[segnalibro] LA BEFANA VIEN DI NOTTE
Visualizza in formato PDF

15/12/07
[segnalibro] UNA STELLA NELLA NOTTE
Visualizza in formato PDF

10/12/07
[segnalibro] STORIE DI NATALE
Visualizza in formato PDF

05/12/07
[segnalibro] ARRIVA BABBO NATALE
Visualizza in formato PDF

03/12/07
[segnalibro] SPECTACLE MERVEILLEUX
Visualizza in formato PDF

02/12/07
[segnalibro] DRAGO... LOGICO[2]
Visualizza in formato PDF

01/12/07
[segnalibro] DRAGO... LOGICO[1]
Visualizza in formato PDF

20/11/07
[segnalibro] RIMA RIMA PICCOLINA
Visualizza in formato PDF

10/11/07
[segnalibro] PICO POMELO E PENNACCHIO
Visualizza in formato PDF

20/10/07
[segnalibro] LIBRI DA GUSTARE
Visualizza in formato PDF

13/10/07
[segnalibro] W LA PAPPA
Visualizza in formato PDF

07/10/07
[segnalibro] BAMBINI IN CUCINA
Visualizza in formato PDF

04/10/07
[segnalibro] GATTI, GATTINI, GATTACCI!!!
Visualizza in formato PDF

03/10/07
[segnalibro] LUPI, COCCODRILLI E SPORCHE BESTIE!
Visualizza in formato PDF

02/10/07
LESSICO FAMIGLIARE
Visualizza in formato PDF

20/09/07
[segnalibro] LA MIA SCUOLA MATERNA
Visualizza in formato PDF

13/09/07
[segnalibro] TUTTI A SCUOLA? (SECONDA VERSIONE)
Visualizza in formato PDF

11/09/07
[segnalibro] TUTTI A SCUOLA
Visualizza in formato PDF

02/07/07
MESSAGGI IN BOTTIGLIA. PAROLE CHE ARRIVANO DAL MARE
Visualizza in formato PDF

01/07/07
[segnalibro] VELOCI VELOCI VELOCISSIMI VEICOLI
Visualizza in formato PDF

07/05/07
TUTTO IN UN RACCONTO
Visualizza in formato PDF

30/04/07
[segnalibro] LE RUOTE CORRONO
Visualizza in formato PDF

27/04/07
[segnalibro] IMPARO A...
Visualizza in formato PDF

25/04/07
[segnalibro] TOCCA QUI!
Visualizza in formato PDF

23/04/07
[segnalibro] PAPER DREAMS...
Visualizza in formato PDF

19/04/07
[segnalibro] FACCIAMO FINTA CHE...
Visualizza in formato PDF

14/04/07
[segnalibro] E' ARRIVATA LA PRIMAVERA
Visualizza in formato PDF

08/04/07
[segnalibro] TI LASCERÒ SENZA PAROLE
Visualizza in formato PDF

07/04/07
[segnalibro] C'ERA UNA VOLTA...
Visualizza in formato PDF

06/04/07
[segnalibro] PERSONAGGI DA SFOGLIARE
Visualizza in formato PDF

05/04/07
[segnalibro] DORMI DORMI...
Visualizza in formato PDF

04/04/07
[segnalibro] LA MIA MAMMA E IL MIO PAPÀ
Visualizza in formato PDF

03/04/07
[segnalibro] IL MONDO INTORNO A ME
Visualizza in formato PDF

01/03/07
NON MANGIATE QUESTA BIBLIOGRAFIA
Visualizza in formato PDF

23/12/06
[segnalibro] LIBRI AL FREDDO
Visualizza in formato PDF

05/12/06
[segnalibro] UN LIBRO AL GIORNO
Visualizza in formato PDF

04/12/06
[segnalibro] STORIE DI AMICI
Visualizza in formato PDF

03/12/06
[segnalibro] PERSONAGGI DA SFOGLIARE
Visualizza in formato PDF

02/12/06
[segnalibro] STRENNE 2
Visualizza in formato PDF

01/12/06
CORRISPONDENZE. Libri in forma di lettera.
Visualizza in formato PDF

01/12/06
[segnalibro] STRENNE 1
Visualizza in formato PDF

14/11/06
[segnalibro] A VOCE ALTA...
Visualizza in formato PDF

12/11/06
[segnalibro] ANCH'IO HO UN AMICO
Visualizza in formato PDF

11/11/06
[segnalibro] TRA LE RIME
Visualizza in formato PDF

09/11/06
[segnalibro] INCANTESIMI, RANOCCHI, PRINCIPESSE
Visualizza in formato PDF

07/11/06
[segnalibro] FATINE
Visualizza in formato PDF

05/11/06
[segnalibro] COCCOLE E CAREZZE
Visualizza in formato PDF

01/11/06
[segnalibro] RIMIAMO UN PO'
Visualizza in formato PDF

01/11/06
[segnalibro] QUANTI CAPRICCI
Visualizza in formato PDF

03/10/06
[segnalibro] PAGINE DALLA CINA
Visualizza in formato PDF

02/10/06
[segnalibro] PAROLE IN ARABO
Visualizza in formato PDF

01/10/06
DI CITTA' IN CITTA'. DI LIBRI IN LIBRO.
Visualizza in formato PDF

03/09/06
[segnalibro] FIGLIE DELLA LUNA
Visualizza in formato PDF

02/09/06
[segnalibro] MAGIA DI STREGA
Visualizza in formato PDF

01/09/06
[segnalibro] STREGHE E STREGHINE
Visualizza in formato PDF

01/06/06
QUA LA ZAMPA!
Visualizza in formato PDF

01/04/06
PAGINE NATURALI
Visualizza in formato PDF

01/01/06
VITE NARRATE
Visualizza in formato PDF

20/09/05
SCRITTORI... AL CINEMA
Visualizza in formato PDF

08/07/05
ESTATE IN GIALLO...NOIR
Visualizza in formato PDF

01/06/05
LIBRI DA PREMIO
Visualizza in formato PDF

15/04/05
ORIENTARSI... IN ORIENTE
Visualizza in formato PDF

20/02/05
LETTURE AL FEMMINILE
Visualizza in formato PDF

26/01/05
GIORNO DELLA MEMORIA
Visualizza in formato PDF

29/11/04
LEGGERE LEGGèRI
Visualizza in formato PDF

25/10/04
PAGINE CREATIVE
Visualizza in formato PDF

26/09/04
UN LIBRO PER PROFESSIONE
Visualizza in formato PDF

21/08/04
LETTURE IN MOVIMENTO
Visualizza in formato PDF

19/07/04
LEGGERE DI MUSICA
Visualizza in formato PDF

14/06/04
VIAGGI DA SFOGLIARE
Visualizza in formato PDF

15/05/04
NATURALMENTE... LIBRI
Visualizza in formato PDF

24/04/04
DUE RUOTE E UN LIBRO
Visualizza in formato PDF

15/03/04
UN UNIVERSO DI LIBRI
Visualizza in formato PDF

15/02/04
UN LIBRO PER AMICA
Visualizza in formato PDF
Piccoli
Bambini
Ragazzi
Giovani Adulti
Adulti
giugno-luglio 2011
DIPINTI IN UN ROMANZO
Immagine News
© Phillips Collection, Washington DC.
Pittori e opere d'arte protagonisti di romanzi e racconti

Alessandro Barbero, L'ultimo rosa di Lautrec, Milano, Mondadori, 2001
853.91 BAR
"Lo so che tu ci credi, e per disgrazia hai incontrato qualcun altro che ci crede, o che fa finta di crederci, perché ci trova il suo tornaconto... No, Henry, smettiamola di prenderci in giro! Io ne ho parlato anche con tuo padre. Sai benissimo che certi tuoi quadri io non posso neanche guardarli, nessuna donna perbene potrebbe! Ma lui, bè, lui è un uomo. E mi ha confessato che neanche lui la capisce. Tutt'al più, dice, sono degli studi, dei cartoni d'atelier, osè. Ma non è pittura."

Dan Brown, Il codice da Vinci, Milano, Mondadori, 2003
813.54 BRO
Mentre si muoveva verso le fontane circondate dalla nebbia, lo studioso aveva l'impressione di avere attraversato una soglia immaginaria e di essere finito in un altro mondo. Tornava ad affacciarsi l'impressione che aveva avuto all'inizio, di vivere in un sogno.

A.S. Byatt, Le storie di Matisse, Torino, Einaudi, 1996
823.91 BYA
Ci era entrata, un giorno, perché attraverso la vetrina aveva visto il Nudo rosa. Che stranezza, pensò, che quella ricca e complicata creatura voluttuosamente sdraiata fosse appesa sopra l'attaccapanni, dove ci si sarebbe aspettati lo sguardo, argenteo e altero o eburneo e frenetico, di una modella. Erano tutte giovanissime adesso, non donne. Il Nudo rosa era puro colore uniforme, ma suggeriva volume.

Pino Cacucci, Viva la vida!, Milano, Feltrinelli, 2010
852.91 CAC
In quelle giornate eterne, ho cominciato a dipingere. Potevo muovere soltanto le mani. Potevo vedere soltanto me stessa: la mia faccia riflessa in uno specchio. La pittura è diventata l'unica ragione per aspettare l'alba, l'alba che sembrava non arrivare mai... Oggi, la sola cosa che so è che dipingo perché ne ho bisogno e dipingo tutto quello che mi passa per la testa, senza chiedermi che senso abbia.

Marosia Castaldi, Dava fine alla tremenda notte, Milano, Feltrinelli, 2004
853.91 CAS
Il canto del mare era un ruggito. Un lamento mi assediava e maledivo il giorno in cui ero arrivato in questa terra desolata. Entravo e uscivo dalla cattedrale. Giorno dopo giorno ho dovuto mettere nel quadro anche quei bambini scheletriti, i loro corpi piccoli ingobbiti. Li ho nascosti dietro i dignitari, dietro il corteggio che si conviene a una Madonna. Ma la Madonna del mio quadro si faceva sempre più lacera e bruciata come se di notte qualcuno la inseguisse, le strappasse le vesti, le scucisse le carni d'avorio...

Tracy Chevalier, La ragazza con l'orecchino di perla, Vicenza, Neri Pozza, 2000
823.91 CHE
Girai la testa e lo guardai da sopra la spalla sinistra. I suoi occhi si agganciarono ai miei. Non riuscivo a pensare a nulla se non che il loro colore grigio era identico all'interno di una conchiglia di ostrica. Sembrava che stesse aspettando qualcosa. Il viso incominciò a contrarmisi dalla paura, forse non gli stavo dando quello che desiderava. "Griet", disse sottovoce. Questo era tutto quanto aveva da dire. Gli occhi mi si riempirono di lacrime che non lasciai scendere. Ora avevo capito.

Tracy Chevalier, La dama e l'unicorno, Vicenza, Neri Pozza, 2003
823.91 CHE
"L'ho dipinta in vostro onore, Madame, perché non volevo che gli arazzi parlassero solo di seduzione, ma anche dello spirito. Osservateli in questo senso, a partire dalla dama che indossa una collana, e potrete seguire il cammino della seduzione dell'unicorno. Ma se fate il tragitto al contrario, vedrete la dama che si congeda da ciascuno dei sensi fino a togliersi la collana per riporla nello scrigno: l'abbandono della vita materiale..."

Roberto Cotroneo, Otranto, Milano, Mondadori, 1997
853.91 COT
Ci sono luci e colori che non si possono leggere, e non si possono descrivere agli altri perché sono proiezioni di noi stessi, della nostra vita; ci sono colori che sono sogni impossibili, che non rimangono neppure nel ricordo tanto sono impalpabili, inconsci, privati. Avrei detto al medico biondo, triste e come assente, che anche i fantasmi non si possono raccontare come i colori?

Daniele Del Giudice, Nel museo di Reims, Torino, Einaudi, 2010
853.914 DEL
E per un attimo io ero ciò che volevo essere: quel giocatore di dadi in una bettola, quell'ufficiale che prendeva ordini da Napoleone tra fumi di battaglia, io ero un cavallo sbudellato, o il centurione incattivito e stupefatto davanti al sangue del Cristo, oppure ero una bottiglia di vetro su uno sfondo colorato, ero una foglia di lattuga dentro una natura morta. Sono questi i quadri che cerco, sono queste le immagini che cerco di trattenere.

Pino Di Silvestro, La fuga, la sosta: Caravaggio a Siracusa, Milano, Rizzoli, 2002
853.914 DIS
La luce del sole, quella mattina, era entrata dalla finestra senza scuri della cella e si era posata sulle palpebre arrossate di Michele. Si risvegliava dal sonno tormentoso della vigilia privo di energie, mancante del riposo. Sapeva che il quadro che doveva dipingere era destinato ad essere visto dalla navata, appeso alto nella luce che il finestrone avrebbe liberato: fonte di luce, scintilla vera e illusoria accesa sulla tela. Decise che avrebbe dato la biacca dal lato da cui entrava la luce naturale, a illudere, a confondere, a scolpire i corpi immersi nel crepuscolo della catacomba.

Karen Essex , I cigni di Leonardo, Milano, Bompiani, 2007
813.6 ESS
Quando guardava la pala, le sembrava che le orecchie le si riempissero di musica sacra. Riusciva a sentire i liuti, le trombe e i cori di voci, e attribuiva questo fenomeno ai poteri vivificanti di quello strano verde - un verde diverso da quelli della natura, ma luminoso come un gioiello.

Michael Frayn, A testa bassa, Torino, Einaudi, 2001
823.91 FRA
Mentre lo guardo in quei pochi primi istanti, ciò che contemplo non è il dipinto, ma la mia reminescenza accumulata di esso. E già in quel lasso infinitesimale di tempo qualcosa ha incominciato a muoversi dentro di me. Nella mia testa, alla bocca dello stomaco. E' come quando il sole emerge dalle nuvole, e il mondo ti cambia sotto gli occhi, facendosi oro dove era grigio. Riesco a sentire il calore sulla pelle come un'onda benefica che mi attraversa il corpo. Come faccio a sapere che cosa sto guardando? E' di nuovo come il rosso delle arance, o la bellezza di Tilda; lo so e basta.

Dolores Garcia, Il segreto di Monna Lisa, Milano, Sonzogno, 2006
863.7 GAR
Lisa rimase zitta e pensierosa per alcuni istanti, poi si rivolse al maestro con sincerità. "Leonardo, credo che abbiate sbagliato epoca. Gli uomini del nostro tempo non vi meritano. Non possono apprezzare il vostro ingegno acuto e la portata della vostra intelligenza. Forse non ne hanno colpa, è solo che non sono preparati ai cambiamenti. La gente ha paura di cambiare, teme ciò che non conosce. E voi offrite cose sconosciute. Trasformate i sogni in realtà".

Jason Goodwin, Il ritratto Bellini, Torino, Einaudi, 2009
823.92 GOO
- ... Aveva semplicemente un dono. La capacità quasi magica di fermare "il dito in movimento", cioè il tempo.
- Fermarlo? E come?
- Con la pittura. Con i suoi disegni. Lui capiva il diagramma, ma è stato tra i primi a sperimentare l'arte del ritratto. Era un conoscitore dei due mondi: il mondo dei diagrammi, della geometria, che è eterno, ma sapeva anche scorgere l'eterno nelle cose che cambiano e sono soggette al passare del tempo.

Luigi Guarnieri, La doppia vita di Vermeer, Milano, Mondadori, 2004
853.92 GUA
E' un momento meraviglioso nella vita di un amante dell'arte quello in cui all'improvviso si trova a confrontarsi con un capolavoro sconosciuto di un grande maestro, immacolato, ancora sulla tela originale e senza traccia di restauro, come se avesse appena lasciato lo studio del pittore.

Jonathan Harr, Il Caravaggio perduto, Milano, Rizzoli, 2006
813.6 HAR
Il passato custodisce molti segreti e li rivela malvolentieri. Per Sir Denis, un quadro è un po' una finestra sul passato. Lo studio meticoloso di un'opera del Caravaggio gli permette di andare oltre la superficie dipinta e cogliere quel momento, di quattro secoli prima, in cui l'artista, nel suo studio, ha osservato il modello, mischiato i colori sulla tavolozza e avvicinato il pennello alla tela.

Hermann Hesse, L'ultima estate di Klingsor, Parma, Guanda, 2010
833.91 HES
Bello dipingere. Pitturare era un bello, un caro gioco per ragazzi bravi. Diverso era, più largo e massiccio dipingere le stelle, al ritmo del proprio sangue, continuare a mettere al mondo cerchi colorati della propria retina, completare vibrazioni della propria anima nel vento notturno.

Michel Houellebecq, La carta e il territorio, Milano, Bompiani, 2010
843.91 HOU
"Sa, mi rendo conto di ciò che lei sta facendo, ne conosco le conseguenze. E' un buon artista, senza entrare nei particolari lo si può dire. Il risultato è che sono stato fotografato migliaia di volte, ma se c'è un'immagine, una sola, che resterà nei secoli a venire, sarà il suo quadro."

Kazuo Ishiguro, Un artista del mondo effimero, Torino, Einaudi, 1994
823.91 ISH
- Lo sai, Masuji, - gli occhi di mio padre erano ancora fissi sul dipinto, - ho saputo una cosa curiosa da tua madre. Crede di aver capito che tu vuoi scegliere la pittura come professione.
Non lo disse con tono interrogativo, perciò sulle prime non risposi. Ma poi alzò gli occhi e ripetè: - Tua madre, Masuji, crede di aver capito che tu vuoi scegliere la pittura come professione. Naturalmente, si sbaglia se crede questo.

Henry James, Racconti di artisti, Torino, Einaudi, 2005
813.5 JAM
Volgendo lo sguardo dall'uno all'altro di quei bei personaggi, probabilmente mi lasciai sfuggire qualche ovvia irrefrenabile esclamazione, perché, quasi richiamato dalla mia voce, un uomo si alzò dai gradini della loggia e si rivolse a me in un inglese corretto. Era un essere piccolo e magro avvolto (a quanto mi sembrò) in una curiosa tunica di velluto nero, con una massa di capelli rossi che brillava alla luce lunare sporgendo da un piccolo berretto di foggia cinquecentesca.

Henry James, Tre ritratti, Pavia, Ibis, 1997
813.4 JAM
Ma un pittore normale non si sarebbe accontentato di dipingere Miss Everett nella maniera forte, ricca e obiettiva di cui l'opera era un così bell'esempio, senza ambire a far di più? Perché, era evidente, Baxter aveva fatto di più, aveva dipinto non soltanto attingendo alle sue conoscenze, ma all'immaginazione, al sentimento. La sua era quasi una composizione musicale, che era riuscita a cogliere la verità.

Tove Jansson, L'onesta bugiarda, Milano, Iperborea, 1997
839.7374 JAN
Anna non si proteggeva con atteggiamenti costruiti, e neppure sarebbe stato corretto affermare che mancasse di una sua fisionomia; molto più semplicemente, viveva sul serio soltanto nei momenti in cui coltivava la sua singolare arte di illustrare, e mentre illustrava naturalmente era sempre sola. Anna Aemelin possedeva la grande e persuasiva forza del senso unico, cioè la capacità di vedere e capire soltanto un'unica cosa, e di interessarsi soltanto a quell'unica cosa.

Alexandra Lapierre, Artemisia, Milano, Mondadori, 1999
843.91 LAP
Artemisia si era accostata al padre, lo spiava nella penombra. Spiava quello sguardo fisso e impenetrabile che le causava sempre la stessa sofferenza. A cosa stava pensando suo padre? Cosa vedeva nel suo dipinto? Il viso le si era coperto di rossore. Tesa, aspettava. Goccioline di sudore le imperlavano la fronte, le narici, la pelle sopra il labbro superiore. La tortura dell'attesa. Paura e speranza. Desiderio e bisogno di sapere. Con tutto il corpo, con tutta l'anima.

Torgny Lindgren, Per amore della verità, Milano, Iperborea, 1997
839.7374 LIN
La vidi non appena entrai nella sala d'aste di Ryda. Era appesa alla parete di fondo, in mezzo a una decina di pastelli, paesaggi a olio e vedute di tenute di campagna. Oggi, a posteriori, sono quasi portato a credere che fu lei a chiamarmi al di sopra delle teste di tutta la gente che affollava la sala. Non ricordo come riuscii ad avvicinarmi, devo essermi gettato a capofitto a spinte e urtoni, pestando i piedi alla gente, come se ne andasse della mia vita.

Torgny Lindgren, Per non saper né leggere né scrivere, Milano, Iperborea, 2007
839.7374 LIN
Vorrei che mio padre avesse potuto vedermi quella volta! Fu una cerimonia nuziale, io mi univo in matrimonio con i dipinti e i disegni uno dopo l'altro man mano che passavamo di sala in sala, non mi sfuggiva una sola macchia di colore o contorno o sfumatura. Li porto ancora dentro di me. Io che per tutta la vita ho avuto fame di immagini!

W. Somerset Maugham, La luna e sei soldi, Milano, Mondadori, 1971
823.91 MAU
I fatti non avevano nessun significato per lui, perché sotto la massa di episodi irrilevanti egli cercava qualcosa che avesse un senso ai suoi occhi. Era come se egli fosse diventato consapevole dell'anima dell'universo e fosse spinto a esprimerla. Benché quei quadri mi confondessero e mi turbassero, non potevo restare insensibile all'emozione che palesemente vi si rivelava; e, senza sapere perché, scoprii in me una sensazione che, nei riguardi di Strickland, era l'ultima che avrei immaginato di provare.

Paolo Maurensig, La tempesta: il mistero di Giorgine, Pezzan di Carbonera, Morganti, 2009
853.91 MAU
Proseguii lungo la mia strada con una penosa oppressione al petto. Tornai ancora una volta alle riflessioni sulla bellezza e sulla umana incapacità di trattenerla. Essa mi sfiorava di tanto in tanto come l'ala di un angelo per poi lasciarmi attonito e sconsolato. Ma che cos'era la bellezza nella sua essenza?

Melania G. Mazzucco, La camera di Baltus, Milano, Baldini & Castoldi, 1998
853.91 MAZ
Gli affreschi affondano nel tempo come navi nell'oceano. Nelle tenebre, il buio li assorbe e se ne riappropria. Ma alla luce oscillante di una lampada quei relitti, quelle ombre, sembrano muoversi. Le figure scolorite, sempre sul punto di cessare di esistere, tenacemente incorporate sul loro fondale, riaffiorano - opache nell'opaco del tempo; le carni polverose e arruffate dell'intonaco, l'eco minerale delle loro imprese e delle loro parole, il riflesso della luce su una pupilla, ne ricordano la presenza così fragile, così provvisoria.

Melania G. Mazzucco, La lunga attesa dell'angelo, Milano, Rizzoli, 2008
853.91 MAZ
Non posso cercarla nei suoi quadri, perché li ha fatti alla maniera di me. All'inizio gliel'ho chiesto io, poi glielo hanno chiesto i clienti, alla fine lo ha chiesto lei a se stessa. La maggior soddisfazione che ricavo dal dipingere, mi disse una volta, non è quando le cose che faccio assomigliano alle tue, né quando qualcuno crede davvero che lo siano, ma quando io stessa dimentico di averle fatte e credo che le hai dipinte tu.

Patrick McGrath, Port Mungo, Milano, Bompiani, 2004
823.91 MCG
Non avevano neppure un briciolo di ritegno o di presunzione? Quel comportamento derivava dalla loro arte, dal dipingere: una disciplina che abitua alla fermezza dello sguardo? O il sentimento di Jack e Vera era piuttosto - e, per me, questo rappresentava una sorta di avvicinamento alla posizione di Eduardo - una forma di amore che non avevo riconosciuto prima, con una struttura talmente solida, talmente a prova di uragano, in grado di sopportare tempeste che avrebbero distrutto qualsiasi rapporto normale?

Juan Antonio Gaya Nuño, La orripilante storia del teschio di Goya, Milano, Skira, 2010
759.6 GAY
Quest'uomo non pensava ad altro che a tregende, stregonerie, violenze, creature crudeli e senili. Il suo mondo più eletto, col passare degli anni, fu un appello alle forze più maligne e perverse, forze che alla fine si ritorceranno contro quella stessa testa che le aveva create.

Orhan Pamuk, Il mio nome è rosso,Torino, Einaudi, 2001
894.3533 PAM
Felicità e disegno. Vorrei che i lettori attenti alla mia storia e al mio destino tenessero sempre in mente questi due fattori come punto di partenza del mio mondo. Qui, un tempo, tra libri, matite e disegni, ero molto felice. Poi mi sono innamorato e sono stato cacciato da questo Paradiso.

Iain Pears, Il caso Raffaello, Milano, Longanesi, 2000
823.91 PEA
Mi ero messo in mente che, se avessi detto qualcosa a qualcuno in Italia, un pezzo grosso del Museo nazionale avrebbe afferrato la palla al balzo e si sarebbe preso ogni merito. E' accaduto già tante volte e, d'altra parte, chi avrebbe saputo resistere alla tentazione? Poteva essere la scoperta più straordinaria del secolo.

Iain Pears, Il comitato Tiziano, Milano, Longanesi, 2001
823.91 PEA
Che cosa non avrebbe dato per possedere una stanza come quella! Un soffitto con splendidi stucchi, un caminetto di marmo con la legna che bruciava lentamente, lucidi scaffali di quercia che sorreggevano migliaia di libri rilegati in pelle. Luce, calore, un'atmosfera accogliente. E dozzine di quadri di ottima fattura appesi vicinissimi secondo l'abitudine ottocentesca, senza la fissazione moderna per il vuoto attorno ai dipinti e per l'illuminazione diretta.

Iain Pears, Il quadro che uccide, Milano, Longanesi, 2005
823.91 PEA
Però non era nulla di eccezionale. Nulla che potesse giustificare due omicidi. Inoltre, un paio d'ore prima, quando era stato portato lì, un esperto del Museo nazionale era venuto a vederlo e dopo un attento esame aveva concluso che era esattamente ciò che sembrava. Non c'era nient'altro sotto lo strato di colore, così come non c'era nulla nella parte posteriore della tela o nella cornice.

Iain Pears, La pista Caravaggio, Milano, Longanesi, 2009
823.91 PEA
Non è perfetta? Pensò, avvolgendola stretta in un panno. No, non lo era. Posso dire che abbia qualche pecca? Si chiese, ripiegandola su un foglio di giornale e legando il tutto con uno spago. Certamente, anche se di primo acchito tali piccole magagne non balzavano all'occhio. Qualcun altro le noterà? Aggiunse fra sé, dopo una breve pausa di riflessione. Era convinto di no, assolutamente. Era venuta bene; anzi, date le circostanze, benissimo.

Juan Manuel de Prada, La tempesta, Roma, e/o, 1998
863.64 PRA
Pioveva con fragore e dismisura sui caseggiati e sui palazzi di Venezia, che facevano appena in tempo a scaricare tutta quell'acqua nei canali, e pioveva sulle chiese sotto le cui volte si annidavano sgocciolii e affreschi del Tiepolo. Pioveva un'acqua che limava gli spigoli degli edifici e scheggiava la pietra e scompigliava i miei già caotici pensieri, il cumulo spropositato di impressioni confuse che mi impediva di procedere con metodo.

José Saramago, Manuale di pittura e calligrafia, Milano, Bompiani, 1994
869 SAR
Ma oggi, proprio perché son qui seduto davanti a questo foglio, so che le mie fatiche sono appena all'inizio. I due ritratti li ho lì, su due cavalletti diversi, ciascuno nella sua stanza, il primo naturalmente in mostra per chi entra, chiuso il secondo nel segreto del mio tentativo anch'esso frustrato, e questi fogli di carta sono un altro tentativo, cui mi avvicino a mani nude, senza colori né pennelli, solo con la mia calligrafia...

Javier Sierra, La cena segreta, Milano, Tropea, 2005
863.7 SIE
Quando finalmente scoprirai il segreto che sto dipingendo e sarai capace di leggerlo per la prima volta, non smetterai più di vederlo. E ti domanderai come hai potuto essere così cieco. Sono questi, non altri, i segreti meglio custoditi: quelli che stanno davanti al nostro naso e non siamo capaci di vedere.

Gilbert Sinoué, Il ragazzo di Bruges, Vicenza, Neri Pozza, 2000
843.91 SIN
Il dado era tratto. Non sapeva che strada avrebbe imboccato, ma avrebbe realizzato il suo sogno: sarebbe andato a Venezia. Non voleva crescere fra quelle quattro pareti, in quella famiglia, senza Van Eyck. Laggiù, anche solo, sarebbe stato felice perché c'era il sole.

Irving Stone, Il tormento e l'estasi, Milano, Corbaccio, 1996
813.5 STO
Lassù voleva dar vita a una palpitante e densa umanità e raffigurare quel Dio che l'aveva creata: l'umanità ritratta nella sua sublime bellezza, nelle sue debolezze, nelle sue indistruttibili energie; Dio nella sua maestosa onnipotenza. E nella sua propria opera doveva infondere una tale prorompente e significativa vitalità da invertire e capovolgere la natura delle cose, in modo che la sua creazione pittorica diventasse la realtà e il mondo di coloro che l'avrebbero contemplata diventasse illusione.

Diane A. S. Stuckart, La mossa dell'alfiere, Milano, Nord, 2009
813.6 STU
Se mi fossi limitata a raffigurare sobri mazzolini di fiori, forse la mia passione sarebbe stata ignorata, se non addirittura approvata. Purtroppo, nella nostra piccola città si era sparsa la voce che Delfina della Fazia sapeva dipingere come nessun'altra donna, riproducendo drammatiche immagini di santi e guerrieri con un talento che suscitava tanti elogi quante critiche, e nessun uomo rispettabile desiderava una moglie che attirasse un'attenzione così sconveniente.

Antonio Tabucchi, Racconti con figure, Palermo, Sellerio, 2011
853.91 TAB
Guardare un quadro può portare lontano. Ed è giusto che sia così, perché proprio questo è il bello dell'arte: farci navigare per dove e meglio ci aggrada. E se a qualcuno questa navigazione potesse sembrare un gioco, a te non sembrerà di certo, Pizzi Cannella, perché sai come e meglio di me quanto l'arte si faccia anche "per gioco". Però, un gioco serio. Ossia, un po' per gioco, un po' per non morire.

Filippo Tuena, Michelangelo la grande ombra, Roma, Fazi, 2008
709.45 TUE
Sguazzo dentro questi desideri, dentro questi palazzi che mi costruiscono, e immagino già la tomba e la bella cappella che mi seppellirà. Questo è un grande desiderio. E anche quello che tu dici, era un grande desiderio. Buonarroti a Firenze, Buonarroti a casa mia, a lavorare per la mia casata. Gran desiderio. Sì. L'ho avuto. E perché mai, poi, Michelangniolo m'ha detto no. Era un farabutto, dopotutto. Un gran mascalzone.

Elisabeth van Gogh, Vincent, mio fratello, Milano, Skira, 2010
759.9492 DUQ
Aveva una faccia strana, non giovane, l'ampia fronte già solcata dalle rughe, le sopracciglia corrugate dai pensieri. Gli occhi, piccoli e infossati, passavano dall'azzurro al verde, a seconda del momento. Ma nonostante l'aspetto sgraziato, si intuiva in lui una grandezza, si percepivano i segni inconfondibili di una profonda vita interiore.

Fred Vargas, Prima di morire addio, Torino, Einaudi, 2010
843.91 VAR
Era una sciocchezza. Henri Valhubert sapeva benissimo che qualunque vecchio foglio di carta ha lo stesso odore di qualunque altro vecchio foglio di carta. Lo allontanò da sé, irritato. Perché quell'emozione? Non era il momento di pensare a Roma. Non era affatto il momento. Faceva così caldo, allora, alla Vaticana, quando era scatenato in quella ricerca frenetica di immagini barocche, con i fruscii dei fogli che spostava nel silenzio. Era ancora frenetico, adesso? Per niente.

Susan Vreeland, L'amante del bosco, Vicenza, Neri Pozza, 2004
813.6 VRE
I solchi del tronco color terra d'ombra di quel cedro convergevano tutti verso l'alto, in cerca della luce. Era qualcosa di più di un albero, per quanto nobile. Era la manifestazione della spinta che l'aveva portata laggiù: la spinta a salire in alto. Il suo soggetto non era semplicemente la pianta, ma quell'idea. Le cose contenute in un quadro erano solo piccoli pezzi visibili di una voce sottile ma ferma che sussurrava una verità.

Susan Vreeland, La ragazza in blu, Vicenza, Neri Pozza, 2003
813.6 VRE
Se avesse avuto colori e pennelli non avrebbe dipinto solo quadri di donne in piccoli interni. Le avrebbe dipinte all'aperto, al mercato, chine sui filari di patate, in piedi a chiacchierare sulle porte, in barca sullo Schie o in preghiera nell'Oude Kerk. Avrebbe dipinto la gente che pattinava, i padri che insegnavano ai figli a pattinare sul fiume gelato. Padri che insegnano ai figli. Quel pensiero la colpì.

Susan Vreeland, La vita moderna, Vicenza, Neri Pozza, 2007
813.6 VRE
"Auguste, ad esempio. Irrequieto com'è. Non sta mai fermo: mentre dipinge un paesaggio viene attirato dall'acqua di uno stagno. Fa una barca e s'innamora del riflesso. Ama la luce, i suoi giochi. Se ritrae una donna s'invaghisce di lei. Se dipinge dei fiori, impazzisce per ciascun petalo. Gli dà una gran gioia vedere ciò che il suo genio riesce a creare con l'aiuto della luce e del soggetto giusto. Ma appena un quadro è terminato non vede l'ora di ricominciarne un altro."

Susan Vreeland, La passione di Artemisia, Trebaseleghe, Beat, 2010
813.6 VRE
"Ha sposato un giovane nobile. Per amore. Si sono scelti. Non terrà mai in mano un pennello. Odia la pittura".
Sul suo volto si dipinse un'espressione dolorosa. "Immagino che sia stata una sposa bellissima".
"Si. Ma la bellezza non è tutto. E' meglio essere assetati di bellezza e comprenderla, che essere belli e basta. Alla fine la vita risulta più ricca. Un giorno forse lo imparerà".

Oscar Wilde, Il ritratto di Dorian Gray, Torino, Einaudi, 2006
823.8 WIL
Mentre il pittore guardava la figura aggraziata ed elegante che aveva reso con tanta bravura nella propria arte, un sorriso di piacere gli passò sul viso e sembrò dovervi rimanere. Ma d'improvviso balzò in piedi, e, chiudendo gli occhi, pose le dita sulle palpebre, come se volesse imprigionare nella sua mente un qualche sogno curioso da cui temeva di doversi svegliare.


» Visualizza in formato PDF